L'insperata guarigione del mio bambino

 

Racconta la signora Vita:

Il mio primogenito, all'epoca di circa anni tre, a seguito del rovesciamento di una pentola d'acqua bollente, riportò gravi ustioni su tutto il viso. Molto allarmata per l'accaduto, non avendo a disposizione un'autovettura, cercai immediatamente di contattare mio cognato Angelo, al fine di trasportare con urgenza il bambino dall'oculista. La mia telefonata fu intercettata da Fra Immacolato, che era solito rispondere per primo al telefono, il quale rappresentò immediatamente l'urgenza al fratello Angelo che subitaneamente ci raggiunse presso la nostra abitazione. Prima ancora che lo stesso giungesse a prelevarci, ricevetti una telefonata da Fra Immacolato, con la quale mi tranquillizzava sulle conseguenze dell'accaduto, riferendomi che tutto avrebbe avuto un esito positivo e che lui di persona aveva per ciò interceduto presso santa Lucia, alla quale aveva inoltre chiesto di accendere una candela. Recatici dall'oculista, dottore Ciro Della Valle, questi constatò immediatamente la gravità delle ferite agli occhi del piccolo, sottoponendolo alle medicazioni del caso.

Monache Carmelitane - Monastero Sant'Elia - Contrada Faifoli,1 -   86023 Montagano - Campobasso      carmelitane@monasterosantelia.it        tel. 3290251229